Creare applicazioni .app con Platypus

Come noi mac user sappiamo, il formato base per un’applicazione mac è l’archivio con estensione .app… la comodità e ordinatezza (no, non credo che questa parola esista, ma rende l’idea) alla base di MacOS fa in modo che tale applicazione assomigli in tutto e per tutto a un file, sul quale basta doppiocliccare per avviarlo, mentre in realtà si tratta di una vera e propria cartella, con una struttura standard che contiene in primo luogo il file eseguibile vero e proprio, e in più tutti i dati di cui ha bisogno (l’immagine di icona, per esempio).

In particolare, le applicazioni hanno una grossa comodità, fondamentale per un mac user ormai avvezzo all’interfaccia grafica: si possono piazzare sul desktop e raggiungere in un battibaleno, qualunque cosa si stia facendo. Tale comodità per esempio manca da morire a un ex utente linux che è abituato a risolvere problemi enormi a colpi di bash. Stessa cosa può dirsi per altri linguaggi di scripting quali perl, python e altri ancora. Risulta infatti impossibile piazzare tali script sul desktop e sperare di avviarli con un doppioclick.. sarà invece necessario aprire un terminale e lanciarli usandone il nome (con il path, ovviamente, non saranno mica tutti nella home!), in alcuni casi preceduto dal nome dell’interprete… scomodo, eh?

Qui entra in gioco Platypus, un comodissimo programma opensource (come piace a me) a cui possiamo dare in pasto files di bash, Perl, Python, PHP, Ruby, Expect, Tcl, AppleScript, e lui ci darà in cambio un comodissimo .app con la sua bella icona, pronto per essere messo sul desktop e cliccato ad ogni necessità.

L’uso del programma è facilissimo. Mettiamo caso di voler avere a portata di mano uno script di bash (ad esempio per montare una condivisione remota senza passare per il terminale). Una volta avviato Platypus, sarà subito possibile inserire il nome della nuova applicazione e selezionare il tipo di contenuto (nel mio caso “Shell”). Nel campo “script path” potrò andare a inserire il nome del file contenente lo script, oppure se non l’ho preparato a priori posso premere il pulsante “new” e avrò a disposizione un comodo editor di testo per crearlo al volo. Un click di pulsante destro sull’icona nella parte sinistra della finestra permetterà di inserire una bella icona personalizzata nella mia nuova applicazione (ne ho trovate di fantastiche qui). Per concludere, posso scegliere il tipo di output del mio programma: posso cioè scegliere se il programma non aprirà alcuna finestra (ma si limiterà a farsi gli affari suoi senza dire nulla a nessuno), oppure mostrare una progress bar che mostra l’avanzamento dello script, o infine mostrare una finestra di testo contenente l’output dello script.

A questo punto potremmo anche accontentarci, ma Platypus non si limita a queste funzioni base: il power user è libero di esplorare la sezione di UI che appare premendo “Show advanced options”: a partire da lì è possibile inserire nell’applicazione files di supporto, impostare parametri come il path dell’interprete da utilizzare, ed eseguire un tuning un tantino più complesso di tutto quanto (ad esempio, si può attivare il supporto al drag&drop, in modo che lo script potrà agire su qualunque file io lasci cadere sulla sua icona).  Questo e molto altro ancora.

A questo punto è sufficiente premere il pulsante “Create Application”, selezionare il nome file della nuova applicazione e voilà, il gioco è fatto. Il mio script è ora una comoda applicazione cliccabile. Un modesto guadagno, diranno i puristi, ma in fin dei conti abbiamo in mano un sistema fatto per essere comodo, che senso ha non sfruttarne al pieno le potenzialità? Lasciamo la riga di comando a task più complessi!

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Creare applicazioni .app con Platypus

  1. Pingback: English Verb Test Generator « Appunti, scoperte e invenzioni

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...