One Week In Paris

(No, non c’entra nulla con questo).

Come previsto, il Capodanno BrainLD è stato un successone.. vedrò di recuperare qualche foto e pubblicarla come al solito nel mio album online.

Il giorno successivo, dopo simpatico pranzo in famiglia, io e Bea siamo partiti per la nostra settimana di turismo sfrenato nella più bella delle capitali europee (perlomeno di quelle di cui sono a conoscenza): Parigi.

Arrivo all’aeroporto di Orio al Serio (Bergamo) nel tardo pomeriggio, check-in su volo prenotato online 2 mesi prima con Ryanair (coda mostruosa), imbarco, decollo (quasi in orario), arrivo all’aeroporto di Paris Beauvais; trasferimento in bus-navetta fino alla città (poco più di un’ora), seguito da acquisto di biglietto metropolitana e un paio di coincidenze su “le metrò” per raggiungere il nostro albergo, poco distante dal centro. Grazie al cielo avevo prenotato online tempo addietro, cosicchè la sistemazione era già pronta; tempo di saldare il conto ed all’una circa di notte eravamo già stesi a ronfare sonoramente.

Day One:

Sveglia, colazione al bar (scoprendo che il cappuccino da quelle parti si chiama “Cafè Creme” e costa 3 euro e mezzo!!), acquisto abbonamento settimanale metropolitana e via con le esplorazioni! Primo obiettivo sensibile della giornata la “Place de la Bastille“.

place bastille place bastille 2

Molto suggestiva. A seguire visita alla bellissima “Place des Vosges” e alla casa di Hugo che su tale piazza si affaccia.

place vosges

Obiettivo successivo l’Hotel de Ville:

hotel de ville

E naturalmente tappa obbligata alla meravigliosa e imponente cattedrale di “Notre Dame de Paris“:

notre dame 1 notre dame 2

notre dame 3 notre dame 4

Già che eravamo sull’Ile de la Citè, abbiamo fatto un passaggio al Palais de Justice:

 

palais du justice

Per concludere la giornata di esplorazione, non poteva mancare una capatina all’Arc du Triomphe sugli Champs Elysees:

Champs Elisees arc du triomphe

Pausa in albergo a far riposare i piedi… Poi ci siamo diretti verso la meta principale di ogni viaggio a Parigi, ovvero la Tour Eiffel, allo scopo di ammirarla di notte. Ne è valsa decisamente la pena.

tour eiffel by night

Day Two:

Per cominciare bene la giornata, puntiamo direttamente verso la Tour, stavolta allo scopo di tentare l’ascesa. Purtroppo il tempo non è dei migliori:

tour eiffel nella nebbia

Rinunciamo dunque momentaneamente all’ascesa. Ne approfittiamo comunque per farci un giro al Palais de Chaillot e al suo splendido giardino con fontana:

palais chaillot palais chaillot giardino

Dopodichè modifichiamo l’itinerario previsto per recarci in un altro punto di notevole interesse: il Musee du Louvre. Inutile dire che è stato magnifico. Purtroppo mezza giornata è decisamente poco per tentare anche solo di apprezzarne una parte, ma nel poco tempo a disposizione abbiamo visto cose incredibili.

louvre 1 louvre 2

louvre - monna lisa louvre 3

La giornata si conclude con una passeggiata sugli Champs Elisees.

Day 3:

Anche oggi il tempo non sembra essere dei migliori, per non correre rischi decidiamo di puntare in un luogo coperto; optiamo dunque per una visita di cortesia ai Magazzini Lafayette.

lafayette lafayette interno

Che dire di un centro commerciale talmente grosso che quando entri ti danno una mappa per orientarti? Per giunta sopra l’ultimo piano dei magazzini c’è una terrazza da cui si può godere di una splendida vista della città. Poi, visto che il tempo sembrava mettarsi al meglio, abbiamo deciso di tentare alfine l’ascesa della tanto agognata Tour Eiffel. Abbiamo rapidamente raggiunto la base della torre

eiffel 1 eiffel 2

..e dopo circa un chilometro di coda abbiamo potuto aggredire la scalinata (si, senza saperlo ci siamo messi nella coda “stairs only”). 340 gradini per raggiungere il primo piano, altrettanti per il secondo e ascensore per il top. Inutile dire che la vista che si gode da lassù è impossibile da descrivere a parole. Si vede tutta ma proprio tutta la città.

eiffel 3 eiffel 4

eiffel 5 eiffel 6

Colpiti da questa vista mozzafiato, scendiamo dal monumento e attraversiamo lo Champ de Mars fino alla Ecole Militaire.

champ de mars ecole militaire

Dopodichè ci dirigiamo verso il Dome, ovvero il monumento che racchiude la tomba dell’imperatore Napoleone.

dome esterno 1 dome esterno 2

Decidiamo di non entrare, poichè manca poco all’ora di chiusura e la giornata sta volgendo dunque al termine. Un rapido passaggio ad ammirare Les Invalides..

les invalides

..e uno sguardo (perlopiù dettato dalla curiosità mediatica) al tristemente noto Pont de l’Almà..

pont de l’almà

..e giunge l’ora di tornare in albergo per una doccia ristoratrice. La serata prevede una passeggiata nell’inquietante quartiere a luci rosse di Pigalle..

pigalle 1 pigalle 2

..naturalmente con uno sguardo al famosissimo Moulin Rouge.

 

moulin rouge

Qui terminiamo la giornata, stanchi ma soddisfatti.

Day 4:

Per prima cosa ci rechiamo al Dome, per fare la visita che non abbiamo potuto fare il giorno prima. Compriamo il biglietto ed entriamo nella cupola, ovviamente immensa, e ammiriamo il sarcofago in cui riposano le spoglie dell’Imperatore.

dome 1 dome 2

Uscendo dal Dome giriamo intorno all’edificio di Les Invalides che ospita tra l’altro il Musee de l’Armee, un mega museo dedicato alla guerra. Purtroppo il tempo è tiranno, ma abbiamo comunque tempo a sufficienza di visitare l’esposizione dedicata alle due guerre mondiali. Enorme e spettacolare!

ww1 ww2

 

La giornata prevede successivamente una visita alla Basilique du Sacre Coeur, sulla collina di Montmartre:

sacro cuore 1 sacro cuore 2

Peccato per il tempo che tiene lontani gli artisti dalla collina degli artisti; comunque un bellissimo posto, molto caratteristico. Anche la basilica all’interno è stupenda.

A questo punto (dopo una buona pausa pappatoria al McDonald’s) ci dirigiamo verso il cimitero di Pere Lachaise, dove riposano importanti celebrità. Personalmente porto i miei saluti sulle tombe di Oscar Wilde e Jim Morrison.

pere lachaise

A questo punto la giornata sta volgendo al termine. Pausa doccia, e a seguire si conclude con una passeggiata su e giù per gli Champs Elysees fino a Place de la Concorde.

place concorde 1 place concorde 2

Day 5:

L’ultimo giorno di esplorazione di Parigi prevede la visita del Pantheon, il monumento (un tempo chiesa) che dopo varie vicissitudini storiche è ora dedicato alla memoria delle più importanti personalità francesi, a partire dagli eroi della Rivoluzione. A questo punto è superfluo dire che è immenso, a partire dalla facciata esterna..

pantheon esterno 1 pantheon esterno 2

..passando per l’interno..

pantheon interno 1 pantheon interno 2

pantheon interno 3 pantheon interno 4

..fino ad arrivare alla cripta sotterranea, che ospita le tombe di personalità del calibro di Carnot, i coniugi Curie, Voltaire e Hugo..

pantheon cripta 1 pantheon cripta 2

Dopo essere tornati all’aria aperta, abbiamo proseguito il tour con una breve visita al Palais du Luxembourg e al suo enorme giardino..

palais luxembourg palais luxembourg 2

..con uno sguardo particolare alla bellissima Fontana di Maria de’ Medici.

fontana medici 1 fontana medici 2

A questo punto però la giornata si avvicina alla conclusione.. Rimane solo un pò di tempo per fare un salto ad ammirare, seppure superficialmente, la Citè des Sciences et de l’Industrie, sede di importanti esposizioni e mostre permanenti di carattere scientifico.

citè sciences

Con quest’ultimo giro si conclude il nostro tour della capitale francese. Una simpatica seratina passata passeggiando ancora una volta per i bellissimi Champs Elysees, ed è ora di andare a dormire.

Last Day:

L’ultimo giorno inizia prestissimo, intorno alle 5. Sveglia, recupero valigie e abbandono dell’albergo. Trasferimento in metrò fino al capolinea del bus navetta che ci avrebbe condotti all’aeroporto. Check in, imbarco, decollo e arrivo a Orio al Serio. E’ finita. Sigh.

Per concludere è stata una gita breve ma stupenda. Ci siamo entrambi divertiti da morire e abbiamo visto cose incredibili che mai ci saremmo sognati. Inoltre la città è molto vivibile e comoda (in particolare per i trasporti), e questo mi rassicura al pensiero che potrei andare da quelle parti per l’Erasmus. Se così sarà, avrò modo di rivedere tutto con più calma, oltre che di visitare tutte le bellissime attrazioni che il tempo limitato ci ha impedito di vedere. Non vedo l’ora di tornarci.. Ah, Paris..

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a One Week In Paris

  1. Pingback: Libru » One Week In Paris

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...