Come si costruisce la diffamazione

Prima che si creino casini: ogni cosa scritta in questo post è a puro carattere personale: non sono rappresentante, nè di Atto Primo nè di chicchessia, e quindi non ho il dovere di starmene buono per il bene comune come i miei amici che ricoprono tale incarico. Bene, dopo i chiarimenti possiamo cominciare.

Sono venuto a contatto (seppure in maniera superficiale, dato che non sono direttamente coinvolto) in una situazione buffa, verificatasi presso l’università in cui studio: una disputa tra rappresentanti degli studenti di liste diverse; è un dato di fatto che liste diverse corrispondono a ideologie diverse, e di conseguenza è spesso possibile che i membri di diversi gruppi non sempre siano d’accordo su tutto.

Oggi, per la serie “Il Meraviglioso Mondo Della Natura”, vi voglio mostrare un reportage riguardante un buffo personaggio il quale ci permetterà di esaminare da vicino le modalità mediante il quale un rappresentante della comunità studentesca cerca di promuovere civile cooperazione per il bene comune e tanta buona volontà.

ok, nn ce la faccio a non ridere, quindi passerò subito a esporre la situazione, in maniera molto coincisa dato che non sono a conoscenza di alcuna informazione specifica non essendo rappresentante. La situazione è questa: qualcuno ha (pare erroneamente) fatto partire un mezzo download illegale da un computer connesso alla rete di facoltà, probabilmente piazzato nell’aula dedicata ai rappresentanti. Il download è stato segnalato tempestivamente alla presidenza dal GARR, l’ente che fornisce la connettività alla nostra facoltà. Tale computer è stato (non so come) associato a persone appartenenti alla lista “Atto Primo” cui sono vicino. Ed ecco che il maturo rappresentante di un’altra lista parte in uno sproloquio dai toni “ehi, guardatemi, sono un cretino che svolge un incarico pubblico” in cui accusa tutti i membri di Atto Primo di essere dei geek senza speranza, ridicolizzando Linux e le competenze informatiche che da sempre garantiscono la qualità dei servizi offerti dalla nostra lista agli studenti. Un tantino fuori contesto, secondo me, ma quando si parla a caso poi ogni argomento è buono, basta strumentalizzarlo. ps: lui ha detto che è stato uno scherzo innocente, quindi tutto ok, eh? Giudicate voi:

Cosa possiamo capire da questo video?

  • Quando si ha un tono di voce abbastanza forte e una dialettica sufficientemente incerta e approssimativa si acquista il diritto di insultare pesantemente non solo gli altri rappresentanti in quanto persone ma addirittura le loro liste (senza alcun motivo, ovvio) e il loro incarico istituzionale.
  • Non esiste una buona stagione per fare campagna elettorale. Tolte le feste comandate ogni momento è quello giusto.
  • Nel sistema giuridico italiano esiste la denuncia per “mi hanno staccato la rete dal pc adesso vado a far rotolare teste” ma non esiste la denuncia per diffamazione.
  • nn mi viene in mente altro, ma sono certo che di cose da dire al riguardo ce ne sono infinite.

Un’ultima cosa: i commenti esistono apposta per essere utilizzati. Se volete dirmi qualcosa riguardo questo post fatevi avanti. Ovviamente ricordando che ogni cosa scritta in questo post è a puro carattere personale: non sono rappresentante, nè di Atto Primo nè di chicchessia, e quindi non ho il dovere di starmene buono per il bene comune come i miei amici che ricoprono tale incarico.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Come si costruisce la diffamazione

  1. Pingback: Libru » Come si costruisce la diffamazione

  2. frasten ha detto:

    Va bene tutto, ok.
    Pero’ si è sempre cercato di abolire qualsiasi forma di utilizzo non consono della rete di facoltà, e se questo accade, è normale che ci si incazzi, chiunque sia stato, e a prescindere dal suo ruolo all’interno dell’università.

  3. piccimario ha detto:

    Sono perfettamente d’accordo.. Però non è concepibile che ci sia gente che aspetta ansiosa ogni minimo passo falso per sparare merda su una lista di rappresentanti.. Una strumentalizzazione simile è ignobile e controproducente, oltre che fondamentalmente sbagliata e indecorosa, specie da parte di un rappresentante.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...