Dardo Incantato

Sono in piedi, in mezzo alla stanza.. Gambe larghe, piedi ben piazzati per terra, braccia leggermente sollevate lungo i fianchi.

Unisco le mani e comincio a formare i gesti di potere.. intanto mormoro l’arcana formula; mi torna alla mente quanto ho studiato la sera prima sul mio prezioso libro, il cui rassicurante peso posso sentire appeso al gancio alla mia cintura.. il solo fatto di sentirlo mi fa sentire sicuro.. il libro, la parola, l’inchiostro raccolgono il potere e lo conservano.

Sollevo le braccia lentamente sopra la testa. Il fluido scorre dalle mie mani e inonda il mio corpo, ma non mi fermo. Il mio sguardo incontra il suo: lo stupore lascia lentamente spazio al terrore, ma è solo l’inizio.

Apro le mani finora tenute chiuse a pugno, con i palmi rivolti verso il mio avversario. Mentre mormoro le ultime rune della formula l’aria attorno alle mie braccia inizia a ondulare, a prendere forma, a prendere colore. Come apparsi dal nulla, quattro dardi di fuoco sono ora fermi a mezz’aria attorno alla mia testa, immobili.

Abbasso le braccia e gli occhi. Poi sollevo la testa e incontro nuovamente il suo sguardo: ora i suoi occhi sono vuoti, non sono altro che un guscio privo di vita. E in mezzo alle sue iridi c’è solo terrore, terrore ancestrale, buio e freddo terrore. Quello che volevo.

Con un gesto repentino punto il braccio destro in avanti, e la indico. Al mio comando, i dardi sfrecciano in avanti, scompigliandomi i capelli al loro passaggio, e si schiantano contro la figura di fronte a me, in una sfera di fuoco che mi scalda il viso.

Mi volto e lentamente mi allontano tra le macerie.

E questo è quello che ho pensato mentre ho attaccato il telefono fuori dal dipartimento, dopo che una docente mi ha fatto capire che per evitare problemi burocratici e casini mi conveniva di gran lunga fare qui il suo esame invece che farlo in erasmus. Alla faccia dell’apertura verso gli scambi con l’estero, il meraviglioso programma di scambio europeo, l’Italia che vuole il suo posto nel mondo e tutta la buona volontà a voler imparare qualcosa un minimo fuori dai canoni italiani per crescere e maturare attraverso la diversità e la novità.

Un applauso all’università italiana e a quelli che non fanno nulla per migliorarla. Amen.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Dardo Incantato

  1. frasten ha detto:

    Ebbravo il nostro master esterofilo!🙂
    Manca il tag RPG!!!

  2. piccimario ha detto:

    Fatto.. grazie della segnalazione, vecchio!🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...