Creare una mappa personalizzata da OSM: lo script

Come prometto a vuoto da mesi, finalmente mi voglio mettere a scrivere un articolo per spiegare un sistema completamente automatico mediante script bash per generare una mappa a partire dai dati di OpenStreetMap. Lo script è un allegro guazzabuglio di utility da riga di comando destinate a scaricare i dati dal server OSM sotto forma di xml, “compilarli” per generare un file SVG, convertire tale file in un PNG e aggiungerci qualche particolare utile: un header, un footer con il copyright, un frame di contorno e una scala kilometrica. Questo articolo, come i miei fedeli lettori avranno già intuito, nasce da una fusione di precedenti post: questo, questo, questo, questo.

Per iniziare i requisiti:

  • Avremo bisogno di un computer linux connesso alla rete (e fin qui…); io uso Ubuntu, non posso garantire il funzionamento di tutte le utility richiamate da questo script su altre piattaforme, anche se probabilmente su Mac si può fare (se qualcuno ci prova mi faccia sapere che aggiornerò l’articolo). Ovviamente Windows non è neanche preso in considerazione.
  • Avremo bisogno di queste utility, scaricabili dal repository: xsltproc (nell’installazione di default, a quanto mi risulta), wget (idem), convert+composite (nella suite ImageMagick), bc.
  • Avremo bisogno del programma per calcolare la distanza in chilometri tra due punti espressi in coordinate GPS, di cui ho parlato in precedenza (in questo post, nella sezione “un programma in C”). Copiarlo in un editor di testo, compilarlo seguendo le istruzioni nel post e avere cura che l’eseguibile si chiami “calcola” (senza alcuna estensione), non “converti” come nell’esempio.
  • Per finire, avremo bisogno di una serie di files da scaricare dai repository di openstreetmap, che ci serviranno per compilare la mappa vera e propria.

In riferimento all’ultimo punto dell’elenco, avremo bisogno di un ambiente di lavoro costituito dalla seguente struttura di cartelle:

data
|– osm-map-features-z17.xml
|– calcola
|– renderizza (così chiameremo lo script che andremo a utilizzare)
|– osmarenderer.xsl

stylesheets
|– symbols
|– il contenuto di questa cartella

Uhm.. dovremmo avere tutto, spero di non aver dimenticato nulla.. Per semplificarvi la vita, ho provveduto a uppare su una condivisione box.net uno zip con tutto il necessario per cominciare a renderizzare (sempre se non mi sono dimenticato nulla); scaricate pure qui. A questo punto manca solo lo script, che come ho detto prima si chiamerà, con molta fantasia, “renderizza” (beh, potete anche cambiargli il nome).

Ecco dunque l’agognato script, pezzo per pezzo:

Impostiamo un pò di variabili che ci verranno buone per dopo. Le uniche da modificare sono ovviamente le coordinate GPS (latitudine e longitune) della zona che vogliamo inserire nella mappa

# coordinate gps zona
# nb: max 0.25 gradi sia latitudine che longitudine

MAXLAT=45.8239
MINLAT=45.8045
MAXLON=10.0841
MINLON=10.0584

# nomi file
OSM=”data.osm”     # nome del file dati OSM
SVG=”map.svg”    # nome dell’output in formato svg
PNG=”map.png”    # nome dell’output in formato png

Recuperiamo i dati aggiornati:

echo “recupero dati dal server OSM…”
wget -O ${OSM} http://api.openstreetmap.org/api/0.5/map?bbox=$MINLON,$MINLAT,$MAXLON,$MAXLAT

Eseguiamo il rendering:

# livello del rendering
livello=17

# identifica il livello di dettaglio del rendering;
# per aree piccole conviene usare il livello 17;
# per eseguire il rendering sarà richiesto il
# file osm-map-features-zXX.xml (XX = livello).

echo “rendering mappa..”
xsltproc osmarender.xsl osm-map-features-z${livello}.xml > ${SVG}

Convertiamo la mappa (in formato SVG) in un file grafico PNG, più facilmente utilizzabile:

# —- conversione mappa in png

density=600     # risoluzione del file grafico.
scale=1000         # dimensione in px del file grafico

echo “conversione in PNG…”
convert -density ${density} -scale ${scale} ${SVG} ${PNG}

Aggiungiamo un header con un testo a scelta. In questo caso inserisco il mio nome e la data dell’aggiornamento (ovvero la data corrispondente al file dati).

# —- aggiunta header

echo “aggiunta della data alla cartina..”
convert xc:white -resize 1×15! blank.ppm
convert -append blank.ppm ${PNG} intermediate.ppm
convert intermediate.ppm -gravity “North” -draw “text 0,3 ‘Updated on: $(date -r ${OSM}) by PicciMario'” ${PNG}
rm blank.ppm intermediate.ppm

Aggiungo un footer con un copyright OSM.

# —- aggiunta footer

echo “aggiunta copyright alla cartina..”
convert xc:white -resize 1×20! blank.ppm
convert -append  ${PNG} blank.ppm intermediate.ppm
convert intermediate.ppm -gravity “South”
(continua) -draw “text 0,3 ‘Copyright 2008 OpenStreetMap (openstreetmap.org)'” ${PNG}
rm blank.ppm intermediate.ppm

La parte più incasinata: creo il simbolo della scala e lo inserisco nella mappa

# —- aggiunta scala

echo “aggiunta scala 1km”

# calcola larghezza in km della mappa
larghezza=$(./calcola $MINLON, $MAXLON, $MINLAT, $MINLAT )
# misura la larghezza in px della mappa
larghezzapixel=$(identify -format %w $PNG)
# calcola l’equivalenza px/km
pixel1km=$(echo “$larghezzapixel/$larghezza” | bc)

# creazione simbolo scala
framewidth=1
scalesymbol=scale.png
scaleheight=10
scalecolor1=xc:blue
scalecolor2=xc:white

pixel100m=$(echo “($pixel1km-(2*framewidth))/10” | bc)
convert ${scalecolor1} -resize ${pixel100m}x${scaleheight}! block1.ppm
convert ${scalecolor2} -resize ${pixel100m}x${scaleheight}! block2.ppm
convert +append block1.ppm block2.ppm block1.ppm block2.ppm block1.ppm block2.ppm block1.ppm block2.ppm block1.ppm block2.ppm ${scalesymbol}
convert -mattecolor blue -frame ${framewidth}x${framewidth} ${scalesymbol} ${scalesymbol}
rm block1.ppm block2.ppm

# aggiunta del simbolo alla cartina
composite -geometry +10+30 -gravity southwest ${scalesymbol} ${PNG} ${PNG}

rm ${scalesymbol}

E per finire l’aggiunta di un bordino blu di rifinitura.

# —- aggiunta frame di contorno al file completo

echo “aggiunta frame…”
convert -mattecolor blue -frame 1×1 ${PNG} ${PNG}

echo “operazione completata.”

Facile, no? Si, lo so, è abbastanza contorto.. Ma ha l’innegabile vantaggio che, una volta pronto, non devo fare altro che andare nella cartella, scrivere ./renderizza e lui fa tutto e mi presenta la bellissima cartina completa.

map

Ad esempio, mi piacerebbe metterlo nel cron del mio server per mostrare su una pagina web la cartina del mio paese con aggiornamenti giornalieri (peccato che il mio server è un computer di 10 anni fa e per fare il rendering ci mette 20 minuti). Se poi pensiamo alla possibilità di modificare il file xml (osm-map-features ecc..), che descrive il modo in cui la mappa è creata, possiamo ottenere infinite potenzialità di personalizzazione della mappa da noi creata (modificare i simboli, le dimensioni e i colori delle strade, scegliere cosa inserire e cosa no, …).

Beh, per oggi mi accontento di questo.. Fatemi sapere se il sistema vi piace e in caso mandatemi un link delle vostre opere d’arte🙂

Ciao a tutti!

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Creare una mappa personalizzata da OSM: lo script

  1. Pingback: OpenStreetMap Italia » Blog Archive » Uno script per creare mappe personalizzate

  2. pelliz71 ha detto:

    Ciao, premetto che solo oggi ho scoperto OSM e mi interessa molto come progetto (mi sono già registrato e stò valutando le mappature da fare/integrare).
    Ma veniamo a noi. Ho trovato molto interessante questo tuo script, ma vorrei chiederti un’informazione. Per esigenze personali (autista/volontariato) ho la necessità di avere stampata su varie pagine A4 tutta la cartografia della mia città, e per questo penso potrei “utilizzare” il tuo script. Ma, a parte il livello zoom che andrò a valutare, mi sapresti dare un suggerimento sul rapporto lat-long più opportuno?
    Io nel frattempo inizio con prove mie.
    Grazie.

  3. piccimario ha detto:

    grandissimo, un nuovo adepto di OSM! Benvenuto nella famiglia🙂
    Scherzi a parte, per il rapporto lat-long devi valutare in base al rapporto larghezza-altezza del foglio su cui vuoi stampare le mappe..
    il suggerimento comunque è di fare qualche prova e vedere come viene il risultato.
    fammi sapere se hai qualche problema, e fammi sapere pure se va tutto bene🙂

  4. Stemby ha detto:

    Troppo belle le tue guide, complimenti!

    Un giorno le proverò tutte!🙂

    Il crontab lo puoi impostare alle 3 o alle 5 di mattino: lì probabilmente la potenza di calcolo del tuo processore non sarebbe meglio utilizzata. Oppure anche una volta a settimana credo che basti.

    Continua così!

  5. Stemby ha detto:

    Scusate il doppio post…

    @pelliz71:
    Benarrivato! Passa a trovarci in mailing list, se ne hai voglia🙂

    @Piccimario:
    In basso, accanto all’indicazione del copyright, ci sarebbe da indicare anche la licenza: CC-by-sa, al momento. In futuro si vedrà.

    Ancora complimenti

  6. piccimario ha detto:

    @stemby:
    grazie, mi fa piacere che le mie guide non siano scritte invano🙂 pur essendo solo un hobby…

    x adesso non rigenero la mappa periodicamente, quest’estate, quando inizierò a mappare sul serio (adesso ho poco tempo), probabilmente preparerò un sistema basato su cron, o qualcosa di più raffinato..

  7. Pingback: Creare una mappa personalizzata da OSM: lo script

  8. marco ha detto:

    Ti chiedo una feature in più: si riesce a fare tutto ciò passando, invece del bounding box, un boundary di un comune… sarebbe molto utile
    Grazie

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...